Covid-19: Le infezioni lievi possono causare problemi cardiaci al lungo termine

INFETTIVOLOGIA REDAZIONE DOTTNET | 14/02/2022 19:25

Coloro che avevano avuto il covid-19 avevano un rischio aumentato del 72% di insufficienza cardiaca, un rischio aumentato del 63% di infarto e un rischio aumentato del 52% di ictus rispetto ai non infetti.

Un ampio studio ha riscontrato che l’infezione da SARSCoV-2 può causare problemi cardiovascolari fino a un anno dall’esordio della malattia, e non solo durante la fase acuta.

Gli autori della Washington University e del Veterans Administration Health Care System di St Louis, Missouri, hanno riferito su Nature Medicine che un anno dopo l’infezione da covid-19 le persone erano a maggior rischio di malattie cardiovascolari, inclusi disturbi cerebrovascolari, aritmie, ischemiche e non ischemiche malattie cardiache, pericardite, miocardite, insufficienza cardiaca e
malattie tromboemboliche. Anche chi non era stato ricoverato in ospedale con covid-19 era a rischio di questi problemi, ma il rischio aumentava con la gravità del contagio, dalle persone non ricoverate in ospedale a quelle ricoverate in terapia intensiva.

Coloro che avevano avuto il covid-19 avevano un rischio aumentato del 72% di insufficienza cardiaca, un rischio aumentato del 63% di infarto e un rischio aumentato del 52% di ictus rispetto ai non infetti.

I ricercatori hanno scritto che l’aumento dei rischi “era evidente indipendentemente da età, razza, sesso e altri fattori di rischio cardiovascolare, tra cui obesità, ipertensione, diabete, malattie renali croniche e iperlipidemia; erano evidenti anche in persone senza alcuna malattia cardiovascolare prima dell’esposizione al covid-19, fornendo prove che questi rischi potrebbero manifestarsi anche in persone a basso rischio di malattie cardiovascolari. Tuttavia, il modo in cui l’infezione da covid-19 potrebbe causare problemi cardiovascolari rimane poco chiaro, hanno affermato.

Gli autori dello studio hanno utilizzato i database sanitari nazionali del Dipartimento per gli affari dei veterani degli Stati Uniti per costruire una coorte di 153.760 persone sopravvissute ai primi 30 giorni di infezione da covid-19 tra marzo 2020 e gennaio 2021. Come controlli, hanno creato una coorte di 5.637 647 persone come controlli contemporanei e una coorte di 5 859 411 persone come controlli storici per stimare i rischi e gli oneri di un anno di una serie di esiti cardiovascolari incidenti prespecificati. La popolazione dei veterani tende ad essere più anziana, bianca e maschile. I ricercatori hanno compensato statisticamente la scarsità di donne e persone di colore.

L’autore principale Ziyad Al-Aly, un epidemiologo clinico della Washington University, ha affermato che lui e i suoi colleghi sono rimasti sorpresi nel vedere lo spettro di persone affette da problemi cardiovascolari covid-19. “Ci siamo resi conto che era evidente in tutti i sottogruppi, compresi i giovani adulti, gli anziani, i neri, i bianchi, le persone con obesità e quelle senza. Il rischio era ovunque”, ha detto a NBC News.

I ricercatori hanno affermato che il rischio di malattie cardiovascolari nelle persone che hanno avuto il covid-19 è sostanziale. Sebbene il modo migliore per prevenire i problemi cardiovascolari sia in primo luogo prevenire le infezioni, i governi e i sistemi sanitari devono prepararsi ad affrontare possibili grandi problemi in futuro. Negli Stati Uniti più di 72 milioni di persone sono state infettate dal covid-19, più di 16 milioni nel Regno Unito e più di 355 milioni a livello globale. I problemi cardiovascolari osservati in alcune persone che hanno avuto il covid-19 sono cronici e possono avere conseguenze a lungo termine per l’individuo e per i sistemi sanitari, la produttività economica e l’aspettativa di vita, affermano i ricercatori. Sebbene ci siano prove di danni cardiaci e vascolari a lungo termine, “Cose simili potrebbero accadere nel cervello e in altri organi, causando sintomi caratteristici del lungo covid, inclusa la nebbia cerebrale”, ha detto Al-Aly a Science .

fonte:BMJ

Istituto di Medicina dello Sport di Firenze - P.I. 07140590485 - Direttore Sanitario Dott. Sergio Califano specialista in medicina dello sport. Autorizzazione Comune di Firenze n° 2005/DD/02913 del 01/04/2005.

Accreditamento Regione Toscana n° 3899 del 08/07/2005 p.iva 07140590485 | Privacy | Informativa cookies | Gestisci Cookie | Credits: