Fisioterapie > Tecniche manuali

Osteopatia

L’Osteopatia è un metodo terapeutico ideato da A.T. Still e basato sul principio che il corpo è capace di fabbricare dei rimedi propri contro le malattie, quando le sue relazioni strutturali sono normali, la sua nutrizione è buona ed è inserito in un buon ambiente.

L’osteopatia si fonda su tre principi fondamentali:

  • Unità del corpo: l’individuo è visto nella sua globalità come un sistema composto da muscoli, strutture scheletriche, organi interni che trovano il loro collegamento nei centri nervosi della colonna vertebrale. Ogni parte costituente la persona (psiche inclusa) è dipendente dalle altre e il corretto funzionamento di ognuna assicura quello dell’intera struttura, dunque, il benessere.
  • Relazione tra struttura e funzione: il Dr. Still concluse che l’osteopatia poteva riassumersi in un’unica frase “la struttura governa la funzione”. La perfezione di ogni funzione è legata alla perfezione della struttura portante, se tale equilibrio è alterato ci si trova di fronte a una disfunzione osteopatica, caratterizzata da una zona corporea in cui è andata persa la corretta mobilità. L’organismo reagirà a tale disequilibrio creando delle zone di compenso e di adattamenti corporei non favorevoli al benessere generale dell’organismo.
  • Autoguarigione: in osteopatia non è il terapeuta che guarisce, ma il suo ruolo è quello di eliminare gli “ostacoli” alle vie di comunicazione del corpo al fine di permettere all’organismo, sfruttando i propri fenomeni di autoregolazione, di raggiungere la guarigione. L’osteopatia mira a ristabilire l’armonia della struttura scheletrica di sostegno al fine di permettere all’organismo di poter trovare un proprio equilibrio ed un proprio benessere.

Le tecniche osteopatiche vengono convenzionalmente divise in 3 grandi famiglie:

Tecniche strutturali
Sono definite tali poiché ristabiliscono la mobilità della struttura ossea, correggendo le posizioni spaziali delle articolazioni secondo i loro assi di movimento. La specificità e la rapidità delle manipolazione consente, più o meno a breve scadenza, il recupero della mobilità articolare.

Queste tecniche strutturali, tuttavia, richiedono da parte del paziente uno stato di rilassamento, una fiducia ed una cooperazione molto grande con l’osteopata. Hanno una forte influenza neurologica, oltre che puramente meccanica, in quanto favoriscono l’emissione di corretti impulsi dalle e alle terminazioni della parte trattata.

Tecniche craniali
Le tecniche craniali agiscono sul movimento di congruenza fra le ossa del cranio, ristabilendone il normale “meccanismo respiratorio primario”, ossia quella combinazione di parti ossee, legamentose, muscolari, e fasciali che consentono il riequilibrio e l’armonia delle funzioni craniosacrali.

Con queste tecniche si agisce in particolare sulla vitalità dell’organismo, qualità fondamentale che permette agli esseri viventi di reagire con efficacia agli eventi di disturbo provenienti dall’ambiente esterno e da quello interno.

Tecniche viscerali
I lavori intrapresi da Jean-Pierre Barral sugli organi dell’addome hanno mostrato che esiste una dinamica precisa: i visceri si muovono in modo specifico sotto l’influenza della pressione diaframmatica. Questa dinamica viscerale può essere modificata (restrizione di mobilità) o scomparire.

In questo caso, i sintomi di disordini funzionali di un organo corrispondono ad una dinamica anormale dell’organo. Applicando una tecnica specifica, l’osteopatia permette all’organo di trovare la sua fisiologia naturale ed i disordini legati alla restrizione di mobilità saranno così corretti. Esiste da un punto di vista anatomico e funzionale una relazione tra i visceri e la struttura muscolo-scheletrica.

Si sa, inoltre, che i visceri e gli organi hanno una mobilità propria e sono in relazione tra loro grazie a legamenti e pieghe delle membrane di rivestimento. La conseguenza è che una cattiva funzione della struttura (colonna vertebrale), può influenzare uno o più visceri e viceversa.

Si possono trovare, in persone che soffrono di mal di schiena, problemi di mobilità del fegato, del colon, del rene o dell’utero. Il trattamento osteopatico mira, con tecniche indirette attraverso l’addome ed il diaframma, a ristabilire una buona mobilità viscerale.

L’osteopatia è un sistema ormai affermato e riconosciuto che si basa sul contatto manuale per la diagnosi e per il trattamento. Rispetta la relazione tra il corpo, la mente e lo spirito sia in salute che nella malattia: pone l’enfasi sull’integrità strutturale e funzionale del corpo e sulla tendenza intrinseca del corpo ad auto-curarsi. I dolori accusati dai pazienti sono interpretati come risultanti da una relazione reciproca tra i componenti muscolo-scheletrici e quelli viscerali di una malattia o di uno sforzo.

Il trattamento osteopatico viene visto come influenza facilitante per incoraggiare questo processo di auto-regolazione. Poiché l’osteopatia riequilibra le funzioni vitali e agisce con uno scopo curativo ma soprattutto preventivo, le indicazioni per un trattamento osteopatico sono molto ampie e indicate per tutte le fasce di età.

La mancanza in Italia di uno status giuridico per l’osteopatia ha, per necessità oggettiva, richiesto la costituzione di forme associative professionali che si adoperano nell’ottenere non solo un riconoscimento legale dell’osteopatia, ma anche una regolamentazione e una tutela della professione osteopatica.

La mancanza di norme che ne regolino l’esercizio comporta che la stessa figura professionale dell’osteopata non sia tutelata dalla legge, e quindi che sia consentito a chiunque praticarla, a danno degli osteopati ma soprattutto dei pazienti. Nel nostro Istituto l’accesso ai trattamenti osteopatici avviene su prescrizione del medico specialista.

In Italia il panorama dell’osteopatia è regolamentato dal Consiglio Superiore di Osteopatia che rappresenta l’osteopatia Italiana ed è costituita dalle maggiori associazioni di professionisti presenti sul territorio nazionale:
AIMM (Associazione Italiana di Medicina Manuale)
AMOI (Associazione Medici Osteopati Italiani)
FeSIOs (Federazione Sindacale Italiana Osteopati)
ROI (Registro degli Osteopati d’Italia)
UPOI (Unione Professionale Osteopati d’Italia)

L’Associazione CSdO ha lo scopo di promuovere lo sviluppo dell’Osteopatia in Italia e all’estero, anche tramite il coordinamento delle varie associazioni di osteopati presenti sul territorio italiano ed estero. Ciò al fine di unire in un fronte associativo, sociale e professionale unico gli osteopati, anche stipulando protocolli d’intesa con altre associazioni e/o enti che perseguono i medesimi fini istituzionali.

In particolare l’Associazione CSdO ha lo scopo di ottenere il riconoscimento professionale della figura di osteopata, anche attivandosi a livello politico, amministrativo, organizzativo, progettando, diffondendo e partecipando alle iniziative relative all’osteopatia, partecipando a tutte le iniziative utili al percorso di riconoscimento e diffondendo notizie in proposito a tutti gli osteopati d’Italia.

L’Associazione attualmente ha sede in Piazza Soncino 3 Cinisello Balsamo (Milano). Villa Casati Stampa.

Istituto medicina dello sport Firenze

Richiedi prenotazione per Osteopatia

Per prenotare un appuntamento compila i campi indicando anche una data e un’ora preferenziali, sarai contattato per la conferma quanto prima dai nostri operatori

* dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e di acconsentire al trattamento dei dati personali

L’invio del presente modulo non comporta alcun tipo di impegno né da parte dell'Istituto Medicina dello Sport né da parte del Cliente

Istituto di Medicina dello Sport di Firenze - P.I. 04466490481 - Direttore Sanitario Dott. Sergio Califano specialista in medicina dello sport. Autorizzazione Comune di Firenze n° 2005/DD/02913 del 01/04/2005.

Accreditamento Regione Toscana n° 3899 del 08/07/2005. A.P.I.M.S. p.iva 04466490481 | Privacy | Informativa cookies | Credits: