Osteoporosi: il valore della prevenzione e dell’attività fisica

Al di là dei ben noti benefici dell’attività fisica nel recupero funzionale di un distretto osteo muscolo scheletrico danneggiato, si è affermato nell’ultimo decennio un ruolo altrettanto importante dello sport nelle forme ossee cosiddette degenerative e che conducono a una vera e propria rarefazione dell’osso (perdita del tessuto e fragilità conseguente) come l’osteoporosi.

Per questa malattia si può partire dai programmi di prevenzione, soprattutto indirizzati a giovani donne (dall’adolescenza fino alla pre-menopausa) per arrivare poi ai trattamenti dedicati alla post-menopausa che qualche volta purtroppo sono riabilitativi per il recupero di una frattura spontanea.

In ogni caso, la terapia fisica nell’osteoporosi è mirata da un lato al contenimento del peso corporeo e dall’altro al ripristino delle funzioni del tessuto osseo. Più ristretti nell’intensità e nella frequenza degli esercizi, sono i programmi di terapia fisica per le infermità provocate dalle varie localizzazioni dell’artrosi o, peggio, per quelle delle artriti.

Chi soffre di osteoporosi può valutare d’intraprendere il nostro percorso rosso 

Istituto di Medicina dello Sport di Firenze - P.I. 04466490481 - Direttore Sanitario Dott. Sergio Califano specialista in medicina dello sport. Autorizzazione Comune di Firenze n° 2005/DD/02913 del 01/04/2005.

Accreditamento Regione Toscana n° 3899 del 08/07/2005. A.P.I.M.S. p.iva 04466490481 | Privacy | Informativa cookies | Credits: